FIE Italia

Federazione Italiana Escursionismo

Per partecipare al Congresso FIE di Firenze è a disposizione un
ELENCO DI ALBERGHI CONVENZIONATI.
Ricordati di prenotare per tempo.

Strada delle 52 Gallerie al Monte Pasubio

La Strada delle 52 Gallerie al Monte Pasubio (o Strada della Prima Armata), nel sottogruppo dei Forni Alti, è un’opera straordinaria di ingegneria militare che conduce dalla Bocchetta Campiglia alle “Porte del Pasubio” (1935 m. slm, Rifugio gen. Achille Papa) e che consentiva l’approvvigionamento delle truppe arroccate sul Pasubio con un arditissimo percorso al riparo dalle artiglierie nemiche.

È un’escursione di grandissima soddisfazione, su un percorso storico che tutti gli appassionati di escursionismo – e a maggior ragione coloro che si interessano di storia – dovrebbero almeno una volta frequentare. Lungo il percorso si trovano numerosi cartelli didattici che illustrano la storia e i dettagli costruttivi della strada.

Si tratta probabilmente della più bella ed entusiasmante delle escursioni nelle Prealpi Venete ed è sempre affollatissima di escursionisti, così come sempre affollatissimo di camminatori e ciclisti è il Rifugio Papa del CAI di Schio, specialmente nei fine settimana dei mesi estivi.

La “Strada Storica Militare delle 52 Gallerie” si percorre in 3 ore – 3 ore e mezza partendo dal Passo di Xomo o raggiungendo, da quest’ultimo, la Bocchetta Campiglia. Il dislivello è di circa 800 metri e si percorrono gallerie molto ardite, anche con curve e biforcazioni, ed è indispensabile dotarsi di una torcia elettrica affidabile. Pur non presentando particolari difficoltà o pericoli, si tratta di un’escursione da non sottovalutare e non può essere classificata come passeggiata turistica.

Il sentiero è sempre ampio e ben tenuto, il fondo quasi sempre a ghiaione grossolano, non vi sono parapetti verso i precipizi. Se si resta rigorosamente nella traccia praticata, non si presentano mai problemi di vertigini o pericolo di cadute. Nelle gallerie, alcuni tratti possono risultare scivolosi a causa dello stillicidio d’acqua e, specialmente per le persone piuttosto alte di statura, in considerazione del fatto che alcune gallerie presentano un soffitto piuttosto basso è utile dotarsi di caschetto.

L’escursione può essere affrontata anche da ragazzi purché adeguatamente allenati e abituati alla fatica. Da escludere invece comitive di bambini ed è soprattutto sconsigliato portare bambini nello zaino portabimbi a spalla.

La “Strada” è una mulattiera molto ardita, che corre sopra profondi dirupi e cenge aeree molto esposte. È assolutamente vietato percorrerla in mountain bike (anche portando la bicicletta a mano).

Una volta raggiunto il Rifugio generale Achille Papa, si può salire a Cima Palon (2239 m. slm), massima elevazione del Massiccio del Pasubio e/o rientrare a Bocchetta Campiglia o Passo Xomo per la Strada degli Scarubbi, sul versante Nord del Massiccio.

Altri percorsi:

  • salita al Rifugio Achille Papa dal Passo Pian delle Fugazze per la strada degli Eroi;
  • salita al Rifugio Achille Papa da Bocchetta Campiglia per la Strada degli Scarubbi;
  • salita al Rifugio Achille Papa per la Val Canale;
  • ferrata delle “Cinque Cime” da Bocchetta Campiglia al Rifugio Achille Papa (categoria EEA), solo per esperti con attrezzatura da ferrata;
  • sentiero Tricolore e salita a Cima Palon;
  • traversata Rifugio Achille Papa / Rifugio Lancia.
FIE Italia © 2017 • Via Imperiale 14 • 16143 Genova Ge